4 consigli per affrontare un rifiuto

problemi, rifiuto, affrontare, lavoro, relazioneA volte, vedersi sbattere in faccia un due di picche, potrebbe provocare problemi al proprio benessere psicologico e potrebbe risultare difficile da superare portando ad un crollo della propria autostima. Bisogna però sempre tenere a mente una cosa: TUTTI POSSONO ESSERE RIFIUTATI. Ovviamente qui subentra molto il carattere che, fortunatamente, cambia da persona a persona. Insomma, parliamoci chiaro, a volte può anche risultare traumatico. Che sia un rifiuto nell’ambito lavorativo o nella sfera relazionale quali amicizia e amore poco importa. Cosa bisogna fare quindi per superare in modo efficace una situazione simile senza abbattersi e senza cadere nel tunnel dello sconforto?

Prima di tutto: non bisogna colpevolizzarsi

Se non sei stata scelta/o per un lavoro o l’amore della tua vita non ti vuole, non è colpa tua e non significa che tu sia sbagliata/o! Perchè? Semplice, questo significa che l’addetto alle risorse umane probabilmente non ha saputo apprezzare le tue potenzialità o semplicemente non eri tagliata/o per quella tipologia di lavoro (non c’è nulla di male). Personalmente vivo con la filosofia che ogni impedimento è giovamento e una sconfitta è un buon motivo per migliorare. Se invece hai ricevuto un NO tassativo dall’uomo o la donna dei tuoi sogni non perdertela con lui o con te stessa. Fa parte della vita, non possiamo né piacere a tutti né pretendere di esserlo, i gusti e le affinità sono caratteristiche peculiari che valorizzano i rapporti di coppia. Per fortuna!
Forse starai pensando che il tuo caso è diverso? Le circostanze sono differenti? Ti sbagli! Le parole che stai leggendo sono frutto dell’esperienza di molte persone. Alcune di queste hanno saputo affrontare il problema e oggi hanno raggiunto i loro obiettivi! Serve soltanto forza e coraggio!

Evita di pensare continuamente al tuo problema

Ovviamente, questa è la parte più difficile, ma è anche quella che ti permetterà di gettare nel dimenticatoio il rifiuto, quindi cerca di tenerti mentalmente impegnata/o durante la giornata magari leggendo un bel libro o uscendo con gli amici. Sappi che un vero amico saprà come farti svagare. Dopotutto a che servono altrimenti?

Pensa alle cose belle della tua vita

Certo, una volta che il morale arriva alle viscere della terra, è veramente difficile pensare in positivo. Ma è proprio quello che devi fare! Rifletti sulle cose belle che possiedi: l’amica/o del cuore, la famiglia, la sorella, il cugino, il cane o il gatto. Insomma pensa a tutto quello che ti fa stare bene. Apprezza te stessa/o e la tua vita, dopotutto siamo tutti speciali!

Lotta

Impegnati e cerca sempre di lottare a pugni stretti per quello che vuoi veramente. Gli obiettivi che ti sei prefissata/o di raggiungere devono essere un risultato! Quindi, cerca di capire cosa e chi ti piace veramente, non soffermandoti soltanto sulla cotta del momento o alla bellezza esteriore oppure ai potenziali guadagni da sogno che potresti avere. Se fai quello che ti piace, sarai comunque soddisfatto/a!

Dottor X

, PSDM, Problemi, Psicologia