L’amore va in vacanza: tradimenti estivi

Conoscete il detto l‘amore non va in vacanza? Tutte cavolate. O meglio, chi lo rispetta è da considerarsi una “mosca bianca”.

Agosto si avvicina e la vera estate, per quella nicchia di ragazzi che studiano all’università o hanno gli esami di maturità è il mese della pausa studio e quindi delle follie e del puro divertimento. Viaggi solo donne o solo uomini, viaggi con gli amic i lontano da tutto e da tutti. Quindici giorni di puro relax fuori dagli schemi.
Le mete più ambite sono: Ibiza, Formentera, Palma di Mallorca, Barcellona, Santorini e Mykonos mentre i più piccolini prediligono Malta. Insomma, le isole e le città della bella vita e della perdizione.

Discoteche, musica e alcol misti a del buon sesso occasionale: un cocktail vincente per i giovani fidanzati lontani dal proprio partner. Le tentazioni degli amici single della ciurma e le belle forme in giro per le capitali stuzzicano la voglia di trasgredire;  il tradimento è dietro l’angolo. Milioni di domande e interminabili “seghe mentali”causati da quel briciolo di buon senso annegano sempre più bicchiere dopo bicchiere. Il sound caotico delle metropoli e il calore estivo delle isole incominciano a dare alla testa e a “risvegliare gli ormoni in letargo”. Aiutati dalla saggezza di qualche buon amico o amica che esordisce con il detto “occhio non vede cuore non duole” cadiamo in quel tunnel senza uscita: il tradimento. Tradisci una volta e tradirai per tutta la vita.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

Dottor X

, PSDM, Love, Psicologia

Commenti